Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 13153 - pubb. 29/07/2015

La nullità del contratto di locazione concluso in forma verbale è da qualificarsi non come nullità assoluta ma come nullità di protezione

Tribunale Verona, 19 Giugno 2015. Est. Sigillo.


Locazione – Contratto concluso in forma verbale – Uso abitativo – Nullità – Nullità di protezione – Tutela del contraente debole



La nullità del contratto di locazione concluso in forma verbale è da qualificarsi come “nullità di protezione”. Per l’effetto, essa può essere fatta valere soltanto dalla parte nel cui interesse è prevista, in quanto contraente debole (conduttore). Il contratto di locazione concluso in forma verbale non integra l’ipotesi di nullità assoluta. (Piergiorgio Bonini) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell'Avv. Piergiorgio Bonini – Foro di Verona


Il testo integrale